Categorie
Alimentazione per Anziani

RICETTA PER I NONNI

POLPETTE AL SUGO

polpette per tutti

È una di quelle pietanze che vanno bene a grandi e piccoli e piacciono sempre a tutti: le polpette al sugo sono un secondo piatto della tradizione di cui ogni famiglia possiede la propria ricetta.

INGREDIENTI

ESECUZIONE RICETTAFACILE
PREPARAZIONE15 MIN
COTTURA25 MIN
PORZIONI6-8 PORZIONI

INGREDIENTI

  • 3 fette di pane raffermo ( o pane grattugiato)
  • ½ bicchiere di latte
  • 800 g di carne di manzo tritata
  • 4 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 3 uova
  • cipolla (per il sugo)
  • 300 g di polpa di pomodoro (per il sugo)
  • ½ cucchiaio di concentrato di pomodoro (per il sugo)
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva (per il sugo)
  • sale e (pepe a gusto personale)
  • opzione – q.b. a piacere (aggiunta di prezzemolo e aglio tritato finemente)

ESECUZIONE

1 – Ammollare precedentemente il pane o il pangrattato ed il parmigiano con il latte.

2 – Mettere in una ciotola la carne tritata creare una buchetta nel centro e aggiungere tutti gli ingredienti

3 – Impastare molto bene e modellare le polpettine di grandezza uguale.

Ricetta delle Polpette al sugo il piatto della nonna - Napoli Turistica

​4 – Preparate il sugo con un battuto di cipolla e olio, rosolare lievemente e aggiungere la polpa e il concentrato di pomodoro, amalgamare bene e aggiungere dell’acqua q.b. e sale q.b. aspettare che il sugo cominci a bollire e versare le polpette con delicatezza.

In origine era un piatto fatto per riciclare gli avanzi.

Attualmente si preparano con della carne tritata di manzo acquistata allo scopo, pane raffermo ammollato nel latte e parmigiano grattugiato, assicurano un risultato eccellente. Se poi aumentate le dosi di salsa e riducete le dimensioni fino ad ottenere delle “polpettine”, saranno un condimento per la pasta strepitoso!

Spaghetti con le polpette al sugo | La Cucina che Vale



Buone a pranzo come a cena, in famiglia o con gli amici, appena fatte o riscaldate, le polpette richiamano alla convivialità e mettono il buonumore.  Anche le Polpette alle olive sono polpette di carne al sugo che invitano alla “scarpetta”, esattamente come le Polpette di ricotta al sugo.

D’altro canto le polpette sono sempre apprezzate: si possono fare fritte, al forno, e persino al vapore. E le varianti sono quasi infinite, con la carne, con il pesce, ma anche polpette vegetariane e con i legumi, come le polpette di ceci e pecorino o quelle di verdure al forno.

Ricetta rivisitata: https://www.cucchiaio.it/ricetta/polpette-al-sugo/

Buon appetito

Categorie
Salute

INFORMAZIONI DAL MINISTERO DELLA SALUTE – VACCINO

SIAMO INFORMATI E CONSAPEVOLI

Giovanni 8:32 “conoscerete la verità e la verità vi farà liberi”.

Milan KunderaLa stupidità deriva dall’avere una RISPOSTA per ogni cosa.

La saggezza deriva dall’avere per ogni cosa una DOMANDA.

TUTTE LE INFORMAZIONI E RISPOSTE LE TROVIAMO NEL:

DOSSIER PFIZER DEL 21/12/2020

  • PIANO DEI RISCHI PFIZER DEL VACCINO ANTICOVID COVIRNATY,

https://www.ema.europa.eu/en/documents/rmp/comirnaty-epar-risk-management-plan_en.pdf

CIRCOLARE N.42164 DEL 24/12 DEL MINISTERO DELLA SALUTE.

  • CONSENSO INFORMATO e FOGLIETTO ILLUSTRATIVO (Bugiardino)

https://www.trovanorme.salute.gov.it/norme/renderNormsanPdf?anno=2020&codLeg=77981&parte=1%20&serie=null

LA DISINFORMAZIONE è il vero e grave problema e la circolazione di informazioni eccessive e contradditorie.

Il vero e grave problema che stiamo vivendo non è solo l’attacco del virus ma ben più grave è l’ignoranza e una grande confusione creata dalla circolazione di informazioni eccessive e contradditorie.

La maggioranza delle persone per pigrizia , per comodità o per mancanza di tempo legge in modo superficiale o non legge affatto le informazioni che riguardano la salute e IGNORANO LA VERITA‘, si affidano solo ai media (televisione, internet, radio, magazine ).

Bisogna approfondire le conoscenze, selezionando con cura le fonti. Solo allora sapremo la verità e saremo INFORMATI E CONSAPEVOLI ed è un dovere civico e umano che ogni ricercatore onesto, con coraggio condivida con il prossimo ogni dato in suo possesso a prescindere da interessi personali o politici o finanziari, poi toccherà alla singola persona prendere le proprie decisioni, svegliarsi o continuare a dormire.

Il 21 Dicembre 2020 la European Medicine Agency (EMA) ha autorizzato il primo vaccino anti SARS-CoV-2/COVID-19, denominato COMIRNATY, sviluppato e prodotto da Pfizer/BioNTech. L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha approvato (non è un’approvazione ma un’ autorizzazione all’immissione in commercio) si inizierà a vaccinare gli operatori sanitari e il personale e anziani (es. Residenze Sanitarie Assistenziali per Anziani e Centri per Anziani).

Approfondimenti nel post precedente : differenza tra approvazione e autorizzazione di un farmaco. https://www.anziani24.it/blog/

Allora siamo informati e consapevoli ?

La risposta è si, a patto che leggiamo con la massima attenzione: DOSSIER PFIZER e la CIRCOLARE MINISTERIALE

DOSSIER PFIZER

alcuni estratti

Module SVII. Identified and
Potential Risks

The list of safety concerns has been updated:
• Added Important Identified Risk (Anaphylaxis)
• Added Missing information [Use in immunocompromised patients;
Use in frail patients with co-morbidities (e.g. chronic obstructive
pulmonary disease (COPD), diabetes, chronic neurological disease,
cardiovascular disorders); Use in patients with autoimmune or
inflammatory disorders]
• Renamed Missing information (from “Use in pregnancy” to “Use in
pregnancy and while breast feeding”).

Traduzione automatica.

L’elenco dei problemi di sicurezza è stato aggiornato:
• Aggiunto importante rischio identificato (anafilassi)
• Aggiunte informazioni mancanti [Uso in pazienti immunocompromessi;
Uso in pazienti fragili con comorbilità (ad es. Ostruttiva cronica
malattia polmonare (BPCO), diabete, malattia neurologica cronica,
disturbi cardiovascolari); Utilizzare in pazienti con autoimmune o
disturbi infiammatori]
• Rinominato Informazioni mancanti (da “Uso in gravidanza” a “Uso in
gravidanza e durante l’allattamento ”)

CIRCOLARE del MINISTERO DELLA SALUTE del 24/12

(avvio della campagna vaccinale) dove sono spiegati dettagliatamente le raccomandazioni e le procedure di vaccinazione,

PRIMA DELLA VACCINAZIONE E’ NECESSARIO

1 – LEGGERE E FIRMARE IL CONSENSO INFORMATO.
2 – RICEVERE E LEGGERE LA NOTA INFORMATIVA
3 – COMPILARE SCHEDA ANAMNESTICA

1 – CONSENSO INFORMATO

Il consenso informato nel campo medico, è una forma di autorizzazione che deve essere espressa da un paziente per ricevere un qualunque trattamento sanitario previa la necessaria informazione sul caso da parte del personale sanitario proponente

Ministero della Salute
DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA

0042164-24/12/2020-DGPRE-DGPRE-P – Allegato Utente 1 (A01)VACCINAZIONE ANTI-COVID19


MODULO DI CONSENSO
Nome e Cognome:
……………………………………………………………………………………….
Data di nascita:
……………………………………….
Luogo di nascita:
…………………………………………….
Residenza:
………………………………………
……………………………………….
Telefono:
…….……………………………………….
……………………………………………..
Tessera sanitaria (se disponibile):
N. ………………………………………………………………………………..
Ho letto, mi è stata illustrata in una lingua nota ed ho del tutto compreso la
Nota Informativa in Allegato 1, di cui ricevo copia.
Ho compilato in modo veritiero e ho riesaminato con il Personale Sanitario la
Scheda Anamnestica in Allegato 2.
In presenza di due Professionisti Sanitari addetti alla vaccinazione ho posto
domande in merito al vaccino e al mio stato di salute ottenendo risposte
esaurienti e da me comprese.
Sono stato correttamente informato con parole a me chiare, ho compreso i
benefici ed i rischi della vaccinazione,
le modalità e le alternative
terapeutiche, nonché le conseguenze di un eventuale rifiuto o di una
rinuncia al completamento della vaccinazione con la seconda dose.

Sono consapevole che qualora si verificasse qualsiasi effetto collaterale sarà
mia responsabilità informare immediatamente il mio Medico curante e
seguirne le indicazioni.
Accetto di rimanere nella sala d’aspetto per almeno 15 minuti dalla
somministrazione del vaccino per assicurarsi che non si verifichino reazioni
avverse immediate.
Acconsento ed autorizzo la somministrazione della vaccinazione mediante
vaccino ”Pfizer-BioNTech COVID-19”.
Data e Luogo __________________________________
Firma della Persona che riceve il vaccino o del suo Rappresentante legale
Rifiuto la somministrazione del vaccino ”Pfizer-BioNTech COVID-19”.
Data e Luogo __________________________________
Firma della Persona che rifiuta il vaccino o del suo Rappresentante legale

Personale Sanitario che ha effettuato la vaccinazione
1.Nome e Cognome________________________________________
Ruolo_____________________________________________________
Confermo che il Vaccinando ha espresso il suo consenso alla vaccinazione,
dopo essere stato adeguatamente informato.
Firma ________________________________________

Nome e Cognome_________________________________________
Ruolo_________________________________________________
__

E’ un nostro diritto ricevere spiegazioni ed informazioni complete sul VACCINO; Sono riportate ufficialmente nell’allegato, NOTA INTEGRATIVA del MINISTERO DELLA SALUTE.

2 – NOTA INFORMATIVA

ALLEGATO 1
AL MODULO DI CONSENSO

VACCINAZIONE ANTI-COVID-19
NOTA INFORMATIVA

Data la lunghezza del documento si riportano alcuni punti :
1 – L’elenco di reazioni avverse di questo vaccino non è esaustivo, cioè incompleto e superficiale.
2 – Rischio anafilassi.
3 -Non sono disponibili dati sull’uso su pazienti immunocompromessi.
4 – Non sono stati effettuati studi di interazione con altri medicinali.
5 -Non è stata studiata la somministrazione del vaccino anticovid con altri vaccini (es.antinflluenzale).
6 – Gli studi di tossicità riproduttiva sugli animali non sono stati completati.
7 – Informazioni mancanti o insufficienti sull’uso in gravidanza e allattamento.
8 – Non è noto se il vaccino abbia un impatto sulla fertilità.
9 – La durata della protezione offerta dal vaccino non è nota.
10 -Comirnaty potrebbe non proteggere tutti coloro che lo ricevono.
11 – Non sono stati condotti studi di genotossicità o sul potenziale cancerogeno.
12 – Problematiche per il trasporto, conservazione, manipolazione.e somministrazione
13 – Problematiche per il dosaggio,
14 – Impossibile al momento poter verificare effetti collaterali a lungo termine.

3 – SCHEDA ANAMNESTICA

Il secondo allegato è formato da un questionario, per la raccolta di notizie di eventuali malattie e farmaci che si assumano, per eventuali interazioni.

La terza domanda del questionario è :

Soffre di allergie al lattice, a qualche cibo, a farmaci o
ai componenti del vaccino?
Se sì, specificare:…le opzioni di risposta sono (si/no/non lo so)

Si dovrebbero fare dei test allergologici ai componenti del vaccino sotto elencati: in particolare del polietilenglicole ( PEG nanoparticelle che possono causare reazioni allergiche.)

  • COMPOSIZIONE
  • RNA messaggero (mRNA) a singola elica con capping in 5’, prodotto mediante trascrizione in vitro senza l’ausilio di cellule (cell-free) dai corrispondenti DNA stampo, che codifica per la proteina virale spike (S) di SARS-CoV-2. –
  • 6.1 Elenco degli eccipienti – 4 idrossibutil)azanediil)bis(esano-6,1-diil)bis(2-esildecanoato) (ALC-0315) – [(polietilenglicole)-2000]-N,N-ditetradecilacetammide (ALC-0159) – 1,2-distearoil-sn-glicero fosfocolina (DSPC) – Colesterolo – Potassio cloruro – Potassio diidrogeno fosfato- Sodio cloruro – Fosfato disodico diidrato – Saccarosio-Acqua per preparazioni iniettabili

Monitoraggio addizionale

simbolo monitoraggio addizionale

Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale con procedura “subordinata a condizioni”. Cioè significa che devono essere forniti ulteriori dati per permettere la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta.


I medicinali che sono soggetti a monitoraggio addizionale sono: .farmaci contenenti nuove sostanze attive,  – medicinali biologici (come vaccini e derivati del plasma), prodotti la cui autorizzazione è subordinata a particolari condizioni o autorizzati in circostanze eccezionali,  medicinali soggetti a studi sulla sicurezza dopo la concessione dell’autorizzazione (risultati sull’uso a lungo termine o su reazioni avverse rare riscontrate nel corso della sperimentazione clinica).

Raccomandazioni generali

  • Ipersensibilità e anafilassi
  • Sono stati segnalati casi di anafilassi.
  • Devono essere sempre immediatamente disponibili trattamento e assistenza medica adeguati nel caso di comparsa di una reazione anafilattica in seguito alla somministrazione del vaccino.

TRASPORTO, CONSERVAZIONE, MANIPOLAZIONE, SOMMINISTRAZIONE

Queste tre fasi si devono eseguire con la massima attenzione per evitare ogni compromissione al prodotto.

  • Il vaccino deve essere trasportato e conservato ad una temperatura tra -90° C e -60° C e protetto dalla luce
  • Se si sbaglia un passaggio e salta la catena del freddo l’mRNA si degrada con estrema facilità, ed è per questo che va mantenuto a temperature tanto basse, per rallentare il più possibile le reazioni chimiche interne: a diversi gradi sottozero tutto succede più lentamente.
  • Infine, il vaccino è confezionato in un flaconcino da 5 dosi si preleva una dose al momento che serve, con la probabilità di sbagliare dosaggio.

Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Porgo i miei saluti con un versetto della Bibbia:

Giobbe 15:2 Il saggio risponde forse con vana scienza?
Si gonfia il petto di vento?
Si difende con chiacchiere inutili e con parole che non giovano nulla?

Categorie
Assistenza agli anziani

ANZIANI IN AUMENTO

Nonni Vecchia Coppia Anziani - Immagini gratis su Pixabay

Censimento anziani. Secondo i dati ISTAT in Italia aumentano gli anziani : la SFIDA è aumentare i servizi.

ᐈ Anziani soli disegni di stock, immagini assistenza anziani | scarica su  Depositphotos®

Riporto integralmente questa notizia su dati ISTAT sul censimento degli anziani riportata Da #CeWeb  il 15 Dicembre 2020

Con quasi 1,5 milioni di anziani over 65 in più in Italia è necessario aumentare i servizi e l’assistenza sul territorio nazionale anche nelle aree più svantaggiate e isolate. E’ quanto emerge da una analisi dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) in riferimento agli ultimi dati Istat sul censimento della popolazione italiana con l’emergenza Covid che sta colpendo gli anziani in famiglia e nelle case di riposo.

La percentuale di popolazione con oltre 65 anni è passata dal :

  • 20,8% (12.384.972 persone) del 2011 al 
  • 23,2% (13.859.090) nel 2019

sottolinea Uecoop – e un aumento sensibile si registra anche per le età più avanzate con gli ultrasettantacinquenni, passati dal:

  • 10,4% del 2011 (6.152.413)
  • all’11,9% del 2019 (7.063.716),

gli ultra 85enni, che passano dal

  • 2,8 al 3,7% sul totale della popolazione.
In pratica ci sono 5 anziani per ogni bambino in Italia.
Il Bambino dai 3 ai 6 anni
Un bambino
Gruppo Di Personaggi Dei Cartoni Animati Della Gente Anziana Illustrazione  Anziana Felice Di Vettore Degli Amici Illustrazione Vettoriale -  Illustrazione di disegno, signora: 100586156
Cinque anziani per ogni bambino

In una realtà come quella italiana dove gli anziani sono sempre più al centro dello scenario sociale – spiega Uecoop – serve un continuo miglioramento dei servizi di welfare che vedono con in prima linea 350 mila operatori di cooperative sociali e di assistenza che seguono 7 milioni di famiglie affiancando il lavoro dei servizi pubblici. L’allungamento della vita – evidenzia Uecoop – sta cambiando le metodologie di cura in relazione ai nuovi bisogni della popolazione. Si sta delineando – sottolinea Uecoop – una società dove gli anziani cresceranno ancora di numero insieme al bisogno di assistenza e servizi sia nelle città che nei piccoli centri urbani a fronte di network familiari con minor capacità di seguire i parenti più avanti negli anni.

ᐈ Anziani soli disegni di stock, immagini assistenza anziani | scarica su  Depositphotos®

E nonostante le quasi 8 mila case di riposo italiane abbiano in media un buon livello di qualità dell’assistenza e siano cresciute del 30% in dieci anni – spiega un’analisi di Uecoop – la disponibilità media a livello nazionale è solo di 1 posto letto ogni 41 anziani con richieste in aumento nonostante rette che vanno dai 1.000 ai 3.000 euro al mese a seconda della posizione della struttura, dai servizi offerti e dalla possibilità di ospitare anche a persone non autosufficienti.

Proprio gli anziani non autosufficienti – sottolinea Uecoop – raddoppieranno fino a quasi 5 milioni entro il 2030. In base agli ultimi dati disponibili – spiega Uecoop –

  • 1 anziano su 3 ha gravi difficoltà a prepararsi da mangiare, fare la spesa, prendere le medicine, pulire la casa.
  • l’11% ha problemi a prendersi cura di se stesso: dal fare il bagno o la doccia a sdraiarsi o sedersi sul letto fino a indossare abiti o svestirsi.

IN AUMENTO LA DOMANDA DI ASSISTENA E SERVIZI

Una situazione – conclude Uecoop – che impone di organizzare un sistema di welfare in grado di soddisfare la domanda di assistenza e servizi delle famiglie italiane potenziando la collaborazione fra il settore pubblico e quello privato.

ᐈ Anziani soli disegni di stock, immagini assistenza anziani | scarica su  Depositphotos®

Dandovi appuntamento al prossimo post vi saluto con una frase

La generazione più giovane è la freccia, la più vecchia è l’arco. John Steinbeck 

Categorie
Assistenza agli anziani

NONNI TECNOLOGICI

Per non sentirsi soli e distanti dal mondo.

Tecnologia per non sentirsi soli

Per i nonni che non vogliono sentirsi soli in questo periodo di lockdown, sarebbe una buona idea avvicinarsi alle tecnologie digitali, computer, tablet, smatphon.

Sono quasi 14 milioni gli anziani in Italia che in questo momento sono più a rischio sia per la diffusione del contagio sia per la sofferenza legata alla solitudine.

Ricoverati nelle RSA o isolati in casa, lontani dagli affetti di figli e nipoti, senza poter incontrare nessuno, l’isolamento le la paura sono fattori di rischio per ansia e depressioni.

 La mancanza di relazioni sociali può sfociare in sentimenti di irritabilità, tristezza, senso di vuoto, sconforto, stress, insonnia e anche paura con la conseguenza di indebolire il sistema immunitario. https://www.anziani24.it/blog/sistema-immunitario/

Anziani e tecnologia: ecco i 5 migliori cellulari pratici ed economici
Nonni tecnologici

La tecnologia, dagli smartphone ai social media, possono essere di grande aiuto.

Saper usare un computer o uno smartphon, poter inviare un messaggio su whatsapp più precisamente una chat (in italiano letteralmente significa “chiacchierata”), delle foto, messaggi vocali per chi ha problemi di vista e anche Skype per effettuare videochiamate gratuite e perché no anche giochi.

Vettoriale - Videochiamata Online Con Genitori O Nonni Di Età Avanzata.  Image 97679805.
Videochiamate
  • Tutto questo creerebbe una situazione di contatto sociale con la sensazione di non essere soli.
  • Per semplificare al massimo l’utilizzo di questi apparati, le varie applicazioni dovrebbero essere installati e configurati da persone esperte.

Manuale utente con lente d'ingrandimento. documento guida utente e lente  d'ingrandimento. icona di vettore del manuale, manuale, istruzioni e guida  | Vettore Premium

PROGETTO

MANUALE PRATICO

Serve un manuale d’informatica di base per imparare ad usare il computer o il cellulare una guida per principianti e non solo.

Possiamo pianificare un progettino che comprenda:

  • manuali con vari livelli di difficoltà,
  • lezioni videoregistrati,
  • immagini
  • altro materiale che possa servire per agevolare l’apprendimento dell’argomento.
tablet-smartphone-per-anziani

E’ necessario portare avanti idee e progetti per poter contrastare solitudine e depressione anche perché queste situazioni anticipano la morte e “ogni anziano che muore è paragonabile ad una biblioteca che brucia” (Amadou Hampatè)

Vi saluto con una frase, “L’amore è l’unica risposta alla solitudine”

(Madre Teresa di Calcutta)

Categorie
Salute

VACCINAZIONE ANTICOVID

A cura di Salvatrice

Salve amiche ed amici, questo è un post dell’ultima ora, sull’argomento vaccinazione; E’ un argomento molto delicato e articolato ma provo lo stesso, a condividere con voi alcune riflessioni che ho fatto su questo tema.

TUTTO QUELLO CHE RIPORTO IN QUESTO POST E’ ESTRAPOLATO DA FONTI UFFICIALI DEL GOVERNO ITALIANO E AGENZIE GOVERNATIVE ED EUROPEE (AIFA _ EMA ) QUINDI INFORMAZIONI VERE.

AUTORIZZATO VACCINO OGM A mRNA PFIZER-BIOTENTCH

COME E’ POSSIBILE CHE IN SOLI 10 MESI CI SIA GIA’ UN VACCINO AUTORIZZATO SE PER UN’APPROVAZIONE DI UN FARMACO E’ NECESSARIO UN ITER TRA SETTE E DIECI ANNI.

Considerato inoltre che è un vaccino transgenico (In biologia, di organismo nel cui patrimonio genetico sia stato inserito un gene estraneo ( transgene ) o nel quale un gene sia stato modificato mediante tecniche di ingegneria genetica (in quest’ultimo caso si preferisce parlare di organismo geneticamente modificato ) questo vaccino a mRNA ha le istruzioni per produrre la proteina spike. Questa è una proteina sulla superficie del virus SARS-CoV-2 di cui il virus ha bisogno per entrare nelle cellule del corpo. CREDO SIA OPPORTUNO DOCUMENTARSI BENE E CAPIRE A COSA SI VA INCONTRO;

Insomma stiamo parlando di ingegneria genetica e di OGM. Inoltre ha ottenuto l’autorizzazione condizionata che non è un’approvazione.

COMIRNATY

Ministero della Salute - Texi - Stampa digitale - Digital Printing Factory

Così è stato chiamato questo vaccino, COMIRNATY.

Poche ore fa è stata pubblicata nel sito del Ministero della Salute la notizia che, L’Agenzia europea del farmaco (EMA) ha dato oggi il via libera al vaccino anti Covid-19 della Pfizer BioNTech. 

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioNotizieNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=5231

Ed in un altro sito, European Medicines Agency che è il sito ufficiale dell’Unione Europea per la valutazione dei medicinali, sono riportati aspetti principali e opinione.

Logo EMA

Riporto integralmente il titolo della notizia e l’indirizzo del link per chi volesse verificare.

https://www.ema.europa.eu/en/documents/smop-initial/chmp-summary-positive-opinion-comirnaty_en.pdf

VIA LIBERA DELL’EMA AL VACCINO COMIRNATY

Aggiornamento:  Comirnaty è ora autorizzato in tutta l’UE. Ciò fa seguito alla concessione di un’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata  da parte della Commissione europea il 21 dicembre 2020. 
AUTORIZZAZIONE CONDIZIONATA, NON E’ UN’APPROVAZIONE

 AUTORIZZAZIONE CONDIZIONATA è uno dei meccanismi di regolamentazione dell’UE per favorire l’accesso precoce ai farmaci e vaccini. Per arrivare all’APPROVAZIONE è necessario un rigoroso iter di sperimentazione e una serie di passaggi obbligatori studi clinici di fase I, II e III, definiti studi preregistrativi.

L’ITER PER L’APPROVAZIONE DI UN FARMACO DURA TRA I SETTE E I DIECI ANNI

Queste ricerche, la cui durata oscilla in genere tra i sette e i dieci anni, sono a carico del “proprietario” del farmaco (il più delle volte un’industria farmaceutica) e si articolano in diverse fasi: 

  • studi “in vitro” ( la sostanza viene messa in provetta insieme a colture cellulari o a microrganismi e sottoposta a una serie di test.)
  • “in vivo” sugli animali (sperimentazione preclinica)
  • studi di fase 1, ( la sperimentazione del principio attivo sull’uomo che ha lo scopo di fornire una prima valutazione della sicurezza e tollerabilità del medicinale.)
  • di fase 2 ( (definito anche terapeutico-esplorativo) Questa fase dura circa un paio d’anni.
  • fase 3 Studio clinico controllato randomizzato. eseguiti sull’uomo (sperimentazione clinica). Durante questa fase vengono controllate con molta attenzione l’insorgenza, la frequenza e gravità degli effetti indesiderati. La durata della somministrazione del farmaco è variabile a seconda degli obiettivi che la sperimentazione si pone, ma in genere dura dei mesi. Il periodo di monitoraggio degli effetti del farmaco è invece spesso più lungo, arrivando in qualche caso a 3-5 anni.

Il vaccino è un farmaco per cui dovrebbe avere lo stesso iter,

Per approfondimenti: http://www.agenziafarmaco.gov.it/content/come-nasce-un-farmaco

Autorizzazione all’immissione al commercio/dati preclinici e clinici (insufficienti dichiarati nel foglietto illustrativo)

Quando infine il nuovo farmaco ha dimostrato di avere un’efficacia sufficiente in rapporto agli eventuali rischi (rapporto rischio/beneficio), tutti i dati derivati dalle valutazioni precliniche e cliniche sono raccolti in un dossier che viene sottoposto all’autorità competente (per l’Italia l’AIFA), per richiederne la registrazione e l’autorizzazione alla commercializzazione.

Registri AIFA: l'Agenzia fornisce informazioni sui dati dei trattamenti con  i nuovi farmaci per la cura dell'epatite C

Infine l’AIFA , agenzia italiana del farmaco ha emesso un comunicato n.620 con l’autorizzazione all’immissione in commercio del vaccino BioNTech /pfizer.

https://www.aifa.gov.it/documents/20142/0/Comunicato+AIFA+n.+620+Autorizzato+il+vaccino+BioNTech+Pfizer.+Sul+sito+AIFA+risposte+alle+domande+pi%C3%B9+frequenti%281%29.pdf/ff306831-d006-e81b-1df3-31f2c3a09335

Autorizzazione all’immissione in commercio CONDIZIONATA o approvazione di un farmaco??

Qual’è la differenza tra questi due quesiti?

L’autorizzazione viene data anche se mancano i dati, studi e sperimentazioni sono ancora in corso, mentre l’approvazione viene data quando dati, studi e sperimentazioni sono completati.

Approfondimenti dettagliati sono spiegati molto bene in un articolo scritto da: Federico Villa1,2, Claudio Jommi2, Armando Genazzani2,
Sara Antignani1, Simona Montilla1 and Mario Melazzini1
(Tecnologia sanitaria globale e regionale) per ovvi motivi non posso riportare tutto l’articolo perché è lungo e dettagliato, ma per chi vuole approfondire ecco il link.
https://journals.sagepub.com/doi/pdf/10.1177/2284240318792447

Composizione del vaccino –RNA messaggero(filamento singolo corrispondenti modello di DNA

COVID-19 mRNA Vaccine BNT162b2 è un RNA messaggero (mRNA) a filamento singolo altamente purificato, con cappuccio 5 ‘, prodotto mediante trascrizione in vitro priva di cellule dai corrispondenti modelli di DNA, che codifica per la proteina virale spike (S) di SARS-CoV-2 .

Come funziona il vaccino a mRNA contro Covid-19

L’RNA è l’acido ribonucleico responsabile per la produzione di proteine. In particolare, è l’RNA messaggero (mRNA) che viene prodotto nel nucleo in fase di duplicazione del DNA e che contiene le informazioni necessarie alla sintesi di proteine nel citoplasma. Somministrare direttamente mRNA nella cellula significa favorire la produzione specifica di una proteina, ovvero fornire la corretta sequenza nucleotidica che codificherà per un amminoacido. Nel caso di SARS-CoV-2, è la glicoproteina Spike (S) che determina la specificità del virus per le cellule epiteliali del tratto respiratorio.

Polietilenglicole / macrogol (PEG)

Questo vaccino contiene polietilenglicole / macrogol (PEG) è un composto dei vaccini per Covid-19 basati sull’RNA messaggero e sembra in grado di scatenare reazioni allergiche, osservate in almeno otto persone che hanno ricevuto la dose immunizzante di Pfizer BioNTech nelle ultime due settimane. Confermato ufficialmente nel DOSSIER EMA del 21 Dicembre 2020 sotto descritto.

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO

Riporto alcuni punti scritti nel foglietto illustrativo consultabile sul sito del governo inglese:

  • «Le persone immunocompromesse, comprese le persone che ricevono una terapia immunosoppressiva, possono avere una risposta immunitaria ridotta al vaccino. Non sono disponibili dati sull’uso concomitante di immunosoppressori».
  •  Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione, non sono stati effettuati studi di interazione.
  • La somministrazione concomitante del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 con altri vaccini non è stata studiata (vedere paragrafo 5.1).
  • In assenza di studi di compatibilità, questo medicinale non deve essere miscelato con altri medicinali.
  • Come con qualsiasi vaccino, la vaccinazione con il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 potrebbe non proteggere tutti i destinatari del vaccino.
  • Non sono disponibili dati sull’uso del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 in persone che hanno precedentemente ricevuto una serie di vaccini completa o parziale con un altro vaccino COVID-19.
  • I dati sull’uso del vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non sono disponibili o sono disponibili in quantità limitata. Gli studi di tossicità riproduttiva sugli animali non sono stati completati. Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non è raccomandato durante la gravidanza.
  • Non è noto se il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 sia escreto nel latte umano. Non si può escludere un rischio per i neonati / bambini. Il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 non deve essere utilizzato durante l’allattamento.
  • Non è noto se il vaccino COVID-19 mRNA BNT162b2 abbia un impatto sulla fertilità

REAZIONI AVVERSE

Le reazioni avverse più frequenti nei partecipanti di età pari o superiore a 16 anni sono state dolore al sito di iniezione (> 80%), affaticamento (> 60%), mal di testa (> 50%), mialgia (> 30%), brividi (> 30 %), artralgia (> 20%) e piressia (> 10%)

Reazioni avverse da studi clinici

Patologie del sistema sanguigno e linfatico, linfoadenopatia -Disturbi del sistema nervoso, mal di testa -Disturbi muscoloscheletrici e del tessuto connettivo., artralgia, mialgia – Malessere – Disordini gastrointestinali., nausea.

Segnalazione di sospette reazioni avverse MONITORAGGIO ADDIZIONALE e POTENZIALI RISCHI

Prodotti farmaceutici, triangolo capovolto per i medicinali sotto  monitoraggio
simbolo monitoraggio addizionale
  • Medicinali contenenti nuove sostanze attive autorizzate in Europa dopo il 1 gennaio 2011;
  • medicinali biologici (quali i vaccini)
  • Tali medicinali vengono identificati da un simbolo nero, un triangolo equilatero rovesciato, da includere nei fogli illustrativi 

La segnalazione di sospette reazioni avverse dopo l’autorizzazione del medicinale è importante. Consente il monitoraggio continuo del rapporto rischi / benefici del medicinale. 

https://www.ema.europa.eu/en/documents/rmp/comirnaty-epar-risk-management-plan_en.pdf

Questo link apre un dossier riservato di 114 pagine dell’EMA (Unione Europea per la valutazione dei medicinali) in lingua inglese, riporto alcuni punti dove vengono evidenziati ufficialmente la mancanza di dati sulla SICUREZZA del VACCINO e sopraggiunti RISCHI.

COVID-19 mRNA VACCINE
RISK MANAGEMENT PLAN
Date of final sign off: 21 December 2020

II. Un elenco di rischi importanti e informazioni mancanti

  • I rischi importanti di Comirnaty sono rischi che richiedono attività speciali di gestione del rischio per essere ulteriormente sviluppati
  • Indagare o ridurre al minimo il rischio, in modo che il medicinale possa essere somministrato in sicurezza, necessita di un’ulteriore valutazione.
  • Mancante le informazioni si riferiscono alle informazioni sulla sicurezza del medicinale attualmente disponibili mancanti e devono essere raccolti (ad esempio sull’uso a lungo termine del medicinale).

Tabella 31. Elenco dei rischi importanti e delle informazioni mancanti (pag 98 )

Importanti rischi identificati

  • Anafilassi
  • Rischi potenziali importanti Malattia potenziata associata a vaccino inclusa malattia respiratoria potenziata associata a vaccino

Informazioni mancanti

  • Utilizzare in gravidanza e durante l’allattamento
  • Uso in pazienti immunocompromessi
  • Uso in pazienti fragili con comorbilità (ad es. Ostruttiva cronica malattia polmonare (BPCO), diabete, malattia neurologica cronica, disturbi cardiovascolari)
  • Uso in pazienti con malattie autoimmuni o infiammatorie

Tabella 32. Rischio importante identificato: anafilassi

Sono stati segnalati eventi di anafilassi.

Fattori di rischio (Allergia nota al vaccino o ai suoi ingredienti.)

Speciali precauzioni per la conservazione – 80°

Conservare in congelatore a una temperatura compresa tra -80 °C e-60 °C Una volta tolto dal congelatore, il vaccino può essere conservato per un massimo di 5 giorni a una temperatura compresa tra 2 ° C e 8 ° C e fino a 2 ore a temperature fino a 25 °C, prima dell’uso. 

6.5 IN UN FLACONCINO 5 DOSI

Concentrato per soluzione iniettabile per 5 dosi in un flaconcino trasparente da 2 ml. (vetro di tipo I) con un tappo (bromobutile) e una capsula di chiusura a strappo in plastica con sigillo in alluminio.

https://www.gov.uk/government/publications/regulatory-approval-of-pfizer-biontech-vaccine-for-covid-19/information-for-healthcare-professionals-on-pfizerbiontech-covid-19-vaccine

Sfide importanti

  • Effetti indesiderati: il filamento di mRNA nel vaccino può provocare una reazione immunitaria indesiderata. Per ridurre al minimo ciò, le sequenze del vaccino mRNA sono progettate per imitare quelle prodotte dalle cellule di mammifero.
  • Consegna: somministrare efficacemente il vaccino alle cellule è difficile poiché l’RNA libero nel corpo viene rapidamente scomposto. Per aiutare a ottenere la consegna, il filamento di RNA viene incorporato in una molecola più grande per aiutare a stabilizzarlo e / o confezionato in particelle o liposomi.
  • Conservazione: molti vaccini a RNA, come i vaccini convenzionali, devono essere congelati o refrigerati. .

Caratterizzazione genomica preliminare di una stirpe SARS-CoV-2 emergente nel Regno Unito definita da una nuova serie di mutazioni spike

Rapporto scritto da: Andrew Rambaut 1 , Nick Loman 2 , Oliver Pybus 3 , Wendy Barclay 4 , Jeff Barrett 5 , Alesandro Carabelli 6 , Tom Connor 7 , Tom Peacock 4 , David L Robertson 8 , Erik Volz 4 , a nome di COVID- 19 Genomics Consortium UK (CoG-UK) 9 .https://www.cogconsortium.uk 1.8k

COG-UK è un consorzio costituito da una partnership innovativa di organizzazioni NHS (sistema sanitario del Regno Unito), le quattro agenzie di sanità pubblica del Regno Unito, il Wellcome Sanger Institute e oltre dodici partner accademici che forniscono capacità di analisi , sequenziamento e studio dell’intero genoma del virus

https://virological.org/t/preliminary-genomic-characterisation-of-an-emergent-sars-cov-2-lineage-in-the-uk-defined-by-a-novel-set-of-spike-mutations/563

CONCLUSIONI

Il mio motto è fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio, per cui prima di farci iniettare un VACCINO OGM a mRNA (ingegneria genetica) con studi e sperimentazioni incompleti (dichiarati nei vari dossier ufficiali) impossibile al momento poter verificare EFFETTI COLLATERALI a lungo termine e con un componente (PEG) che può dare ANAFILASSI, che deve essere conservato a -80°e che è confezionato 5 DOSI in un flacone con il rischio di sbagliare dosaggio, e ciliegina sulla torta sono stati già segnalati MUTAZIONI del virus proprio sulla proteina SPIKE, quindi la sequenza del codice genetico cambia, documentiamoci bene è necessario essere informati e consapevoli.

SINCERAMENTE PER QUANTO MI RIGUARDA PRIMA DI FARMI INIETTARE UN VACCINO ANCORA IN PIENA SPERIMENTAZIONE UMANA (non sono no vax) MA SONO PER I VACCINI SICURI, VOGLIO INFORMAZIONI TRASPARENTI .

Un caro saluto a tutti e Buone Feste.

Categorie
Salute

PREVENZIONE

A cura di Salvatrice

La casa di Alchemilla: Cause di morte oggi

Ecco di seguito un documento originale apparso in facebook e immediatamente ritirato che suggerisce alcune misure di PREVENZIONE.

Ai militari istruzioni ben precise per aumentare questa arma potentissima che è il nostro sistema immunitario.
ALLA POPOLAZIONE NO

Non è una bufala in quanto sono leggibilissime le firme sul documento che immancabilmente è stato ritirato e censurato. Ognuno è libero di credere sull’attendibilità del documento ma non si può cancellare improvvisamente la letteratura scientifica che trattano le migliaia di pubblicazioni su queste due molecole ACIDO ASCORBICO (Vit.C) che attiva l’immunità naturale e COLECALCIFEROLO (Vit.D) immunostimolante.

OGGETTO : PREVENZIONE CORONAVIRUS
un documento prezioso datato 18 marzo 2020 n. protocollo 27/7-60 firmato dal Direttore dell’Infermeria Presidiaria Colonnello Andrea Tessarolo e dal medico competente Maggiore Giuseppe Gancitano – del 1° Reggimento Carabinieri Paracadutisti Tuscania di Livorno – ci informa che l’infermeria del Reggimento, ufficialmente in tema di prevenzione da contenimento Covid-19, al punto 2 e 3 evidenziati è consigliabile assunzione giornaliera di:

VITAMINA C

VITAMINA D

In base a alla letteratura scientifica internazionale esistente, cioè pubblicazioni di ricerche e studi scientifici, questo CONSIGLIO è sacrosanto. E’ PROVATO SCIENTIFICAMENTE che queste due vitamine sonno alla base della vita e dell’efficienza del sistema immunitario.

Potete verificare che in data odierna solamente su PubMed (un motore di ricerca gratuito di letteratura scientifica biomedica  National Center for Biotechnology Information (NCBI) ) appaiono:

  • 57.853 risultati di articoli sull’acido ascorbico (VIT C) e
  • 88.256 risultati sulla VIT D

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/?term=acid+ascorbic+vit.+c

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/?term=vit+d

Fermiamoci a riflettere su questo documento ufficiale dei carabinieri che è stato ritirato velocemente e quindi censurato (per loro sfortuna qualcuno è stato più veloce a copiare il tutto) immaginate cosa viene censurato su questi argomenti a favore di notizie false e distorte. Evidenziamo in due punti quello che succede oggi:

1 – CENSURA DI DOCUMENTI, ARTICOLI,VIDEO

2 – MEDICI,RICERCATORI,SCIENZIATI,GIORNALISTI

RADIATI – BOICOTTATI – INSABBIATI

Detto ciò, ribadisco che l’informazione, la consapevolezza e la verità sono i mezzi che ci possono aiutare a difende i nostri diritti e la nostra salute che è un bene prezioso.

PREVENZIONE – SALUTE

La prevenzione è una strategia essenziale in ambito biomedico ed ha come obiettivo di evitare che una cellula normale diventi malata o tumorale.

Tutte le cause del cancro e altre malattie sono da ricercare i quei fattori che portano a danneggiare, direttamente e indirettamente, sia i GENI (unità funzionali del DNA) che regolano la fisiologicamente la divisione cellulare e i loro meccanismi di controllo e riparazione.

PREVENZIONE significa impedire malattie, problemi fisici e psicologici per ottenere ciò ci serve l’attuazione di una strategia su tutti i fronti a partire dall’alimentazione che deve essere sana ed equilibrata ad uno stile di vita eccellente , a un’ambiente sano ed evitare eccessi di farmaci.

Progetto WHP Lecco “Rete delle aziende che promuovono salute” - ppt  scaricare

Esistono vari gradi di prevenzione: primaria, secondaria, terziaria.

  • Primaria comprende le valutazioni ambienti, inquinamento ambientale, alimentazione, diagnostica.
  • Secondaria tratta pazienti in uno stadio iniziale di malattia.
  • Terziaria è il trattamento di un paziente già in cura o operato o trattato con terapie mediche.

In questo articolo analizzeremo solo la prevenzione primaria.

PREVENZIONE PRIMARIA

  • Modificazione stile di vita;
  • Ridurre esposizioni a cancerogeni;
  • Evitare l’uso del tabacco, alcol, droghe, ormoni anabolizzanti, sostanze dopanti;
  • Modificare la dieta trovare un equilibrio fisiologico tra grassi, carboidrati e proteine, integrazione di vitamine e minerali;
  • Ridurre il peso corporeo;
  • Aumentare l’attività fisica;
  • Attenzione all’eccesso di farmaci;
  • Psiche e pensieri;

CENNI DI BIOLOGIA E GENETICA

Un brevissimo ripasso di biologia ci può aiutare a comprendere meglio cosa serve all’organismo per mantenersi in salute.

  • Il nostro corpo contiene circa 100 mila miliardi di cellule.
  • ognuna di queste cellule contiene il nostro GENOMA.
  • composto da tre miliardi di nucleotidi (basi del DNA)e come dire che è un manuale d’istruzione con tre miliardi di caratteri.
  • In principio, tutte le cellule del tuo corpo sono costruite secondo lo stesso modello. Esse sono circondate da un involucro (la membrana cellulare) e possiedono all’interno (nel citoplasma) numerosi altri componenti (organelli cellulari), tra i quali un nucleo cellulare che contiene i geni. I globuli rossi del sangue sono le uniche cellule che non hanno il nucleo.
Cellula

La cellula è come “un essere umano in miniatura” L’analogia è utile a comprendere in modo semplice le funzionalità del nostro organismo, che è un’entità complessa e composita. 

Ogni cellula dotata di nucleo (eucariote), possiede gli equivalenti funzionali del nostro sistema nervoso, apparato digerente, sistema respiratorio, escretorio, endocrino, muscolo-scheletrico, circolatorio, tegumentale (pelle), riproduttivo e persino un primitivo sistema immunitario, per cui se non arrivano i giusti nutrienti , la cellula comincia ad avere problemi.

Ogni cellula è un essere intelligente, dotato della capacità di sopravvivere autonomamente.

Negli ultimi anni la ricerca epigenetica ha dimostrato che le influenze dell’ambiente, compreso il nutrimento, lo stress e le emozioni, possono modificare i geni.

  1. Le sostanze contenute negli alimenti (macronutrienti e micronutrienti) possono agire direttamente o indirettamente sul genoma modificando la sua struttura e l’espressione dei geni.
  2. In certe condizioni e in alcuni individui, la dieta può essere un fattore di rischio molto importante per lo sviluppo di alcune malattie.
  3. Alcuni geni regolati da molecole bioattive presenti negli alimenti giocano un ruolo cruciale nell’insorgenza, nell’incidenza, nella progressione e nella gravità di alcune malattie.
  4. Gli interventi nutrizionali basati sulla conoscenza del fabbisogno nutrizionale, dello stato nutrizionale e del genotipo (nutrizione personalizzata), possono essere utilizzati per prevenire, mitigare o curare le malattie croniche.
  5. La nutrigenetica è la scienza che studia il ruolo delle variazioni genetiche nella risposta ai nutrienti.

Evoluzione e malattie del benessere

Il fatto di aver capito che il cibo interagisce in modo profondo con il genoma ha finalmente lanciato qualche allarme sul rapporto tra alimentazione moderna e salute.
Nell’epoca odierna si è avuta in pochi decenni una vera e propria esplosione di malattie croniche: sindrome metabolica, diabete, malattie cardiovascolari, cancro, malattie autoimmuni.
Sapendo che i determinanti della salute sono la biologia, lo stile di vita, l’ambiente e la medicina, ci si è chiesti cosa è cambiato in così poco tempo, tanto da poter determinare questa esplosione di malattie.

L ‘agricoltura industriale, ha inondato il terreno di insetticidi, diserbanti, concimi chimici, OGM (organismi geneticamente modificati) inquinamento elettromagnetico (cellulari -wireless ecc..)

NUTRIENTI 80% IN MENO

La scienza afferma che a causa di questo la frutta e verdura hanno l’80% in meno di vitamine e minerali rispetto a 30 anni fa, ha perso quasi tutti i suoi nutrienti a causa delle ibridizzazioni delle specie, l’impoverimento dei terreni, lunga conservazione e l’inquinamento atmosferico. Si è arricchita invece di metalli pesanti.

La domanda è come fa la cellula a riprodursi a nutrirsi, a digerire, e a completare tutto il suo ciclo vitale con il 20% in meno di nutrienti? è come voler percorrere 100 km in macchina con il serbatoio del carburante quasi vuoto;

I M P O S S I B I L E

Ecco perché è vitale fare PREVENZIONE cercando di alimentarsi con cibi biologici integrando l’alimentazione giornaliera con vitamine e minerali, CHE SERVONO A RINFORZARE IL SISTEMA IMMUNITARIO e ad agevolare ogni funzione biochimica che serve all’organismo umano.

Nei prossimi post illustreremo nel dettaglio alcune vitamine in particolare vit.C e vit.D e i benefici che apportano all’organismo.

Vi saluto con un pensiero:

Vivere è la cosa più rara al mondo. La maggior parte delle persone esiste, questo è tutto.
(Oscar Wilde)

Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento.

Categorie
Alimentazione per Anziani

ALIMENTAZIONE

CONOSCIAMO LE UOVA

a cura di Salvatrice Bozzari

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 240_F_248573912_WeseDYhOqJrqQemcBnc4HpyGA3TUZFJw.jpg
L’uovo è un alimento base della nostra alimentazione.

In Italia vengono consumate 12 miliardi di uova ogni anno, per un consumo, pro capite di 13,7 kg. Parte del consumo delle uova avviene indirettamente,  con l’assunzione di alimenti che contengono uova, come pasta all’uovo, dolci, biscotti

LE CLASSIFICAZIONI DELLE UOVA

  • Sulle confezioni si trova la dicitura “categoria A” che si riferisce alle uova denominate “uova fresche”. Guscio e cuticola: forma normale, puliti e intatti;
  • Le uova di “categoria B“, denominate di “seconda qualità”, sono destinate all’industria alimentare. Camera d’aria: altezza non superiore a 6 mm, immobile; tuttavia, per le uova commercializzati con la dicitura «extra», l’altezza non deve superare i 4 mm.

IL CODICE

0 – allevamento bio,
1 – allevamento all’aperto,
2 – allevamento a terra e
3 – allevamento in gabbia/batteria.

I CODICI – METODO DI ALLEVAMENTO

Dal 1° gennaio 2004 è d’obbligo stampare sugli imballaggi e sul guscio delle uova un codice che fornisce una serie di significative informazioni ai consumatori. Tutte le uova devono recare stampigliato sul guscio un codice che identifica oltre al sistema di allevamento delle ovaiole, il produttore e l’ubicazione dell’allevamento.

Codice 0

Uova da agricoltura biologica terreno naturale all’aperto fino a 10 metri quadri per gallina;

  • mangime biologico (cereali e mais senza additivi chimici, amminoacidi sintetici, OGM e farine di pesce);
  • maggiori garanzie per il benessere degli animali.

    Codice 1

Allevamento all’aperto intensivo, le uova provengono da galline che per alcune ore al giorno possono razzolare in un ambiente esterno (solitamente protetto e controllato per ragioni sanitarie volte a prevenire contagi con animali esterni all’allevamento).

  • le galline sono lasciate libere di razzolare all’esterno;
  • il mangime è convenzionale;
  • lo spazio a disposizione per ogni gallina è di soli 2,5 metri quadri.

Codice 2 –

 Allevamento a terra: le galline vengono allevate in un capannone ad alte concentrazioni e, ad esclusione dell’allevamento verticale, le condizioni sono le stesse dell’allevamento in gabbia.

  • Vengono allevate in capannoni con luci sempre accese;
  • Lo spazio è di sette galline a metro quadro;
  • Mangime convenzionale ma anche OGM coltivato con pesticidi;
  • Uso di antibiotici
Allevamento in gabbia

Codice 3

  • Allevamento in gabbia;
  • Lo spazio è di 450/550 cm. quadrati per ogni gallina;
  • Mangime convenzionale ma anche OGM coltivato con pesticidi;
  • Uso di antibiotici

Allevamento in gabbia (batteria): le galline sono allevate in un ambiente confinato, restano sempre in gabbia, chiuse in spazi angusti: secondo la direttiva europea, ogni gallina può avere a disposizione uno spazio di 550 centimetri quadrati, che in virtù delle frequenti violazioni possono diventare anche 450, oltre 20 galline in un metro quadro (e per ognuna di loro, uno spazio inferiore a quello occupato da un foglio A4). Nella breve vita di macchine produci-uova, queste galline non potranno aprire le ali, razzolare, appollaiarsi, deporre le uova in un nido. Accalcate come sono, le une sulle altre, impazziscono e diventano aggressive: si beccano tra loro, si spennano e si cannibalizzano (per evitarlo, a volte vengono de beccate alla nascita). Frequentemente si feriscono contro le gabbie, si fratturano le ossa e si ammalano di osteoporosi. Si trasmettono infezioni. La direttiva CE 99/74 mette di fatto al bando questo sistema di allevamento dal 2012.

Per l’allevamento in batteria oggi si devono allestire gabbie modificate o arricchite con una superficie di 750 cm per capo, un’altezza di almeno 45 cm, posatoi con almeno 15 cm disponibili per capo, 12 cm di mangiatoia disponibile, almeno 2 abbeveratoi, un nido per gabbia, una lettiera per razzolare e dispositivi per il taglio delle unghie che non possono usurarsi da sole senza il sufficiente razzolamento. Le gabbie devono essere separate da corridoi larghi almeno 90 cm.

La maggior parte delle uova (86%) destinate al consumo umano diretto in Italia, provengono da un allevamento di tipo 3 (allevamento in gabbia).

DAL GUSCIO CHIARO O SCURO?

ll colore del guscio delle uova di gallina si differenzia a seconda della razza della gallina ovaiola da cui provengono. Esistono due tipologie di galline: quella Livornese e quella Padovana.

Le uova da gallina Livornese sono uova a guscio bianco dal peso di circa 55 grammi che hanno le stesse identiche proprietà e composizioni delle uova classiche dal guscio colorato. Le uova dal colore bianco candido potrebbero sembrare più delicate, ma questo non è vero, perché il sapore e le proprietà nutrizionali non cambiano e il colore del guscio non varia se la gallina razzola nei campi o vive rinchiusa.

La gallina Livornese produce in media circa 280 uova all’anno. Le uova da gallina Livornese sono adatte per preparare creme o per fare la pasta all’uovo e sono caratterizzate da un gusto più deciso e corposo.

Le uova da gallina Padovana sono quelle con il guscio sul marrone e sono quelle più diffuse nei supermercati. La varietà di gallina Padovana produce uova dal peso di circa 50 grammi l’una. C’è la tendenza a credere che l’uovo a guscio scuro sia più pregevole di quello a guscio bianco: è soltanto un mito. La colorazione del guscio non ha alcun rapporto con il valore nutritivo.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 240_F_63558386_qLrcmtotQ9q8ZHp9n6PraPsKo8ScO5l4.jpg
vari colori dell’uovo

PREGIUDIZI DA SFATARE

Per lungo tempo diffamate da medici e scienziati per il loro alto contenuto di colesterolo o peri loro effetti nocivi sul fegato, le uova ora vengono riconsiderate come alimento salutare. L’idea che le uova, come fonte di grassi saturi, siano dannose alla salute in quanto favoriscono le patologie cardiocircolatorie è errata.

Al contrario, le ricerche mostrano chiaramente che le uova sono uno degli alimenti più benefici che possono effettivamente aiutare a prevenire le malattie, comprese quelle cardiache.

Uno studio del 2009 ha scoperto che le proteine nelle uova cotte vengono convertite dagli enzimi gastrointestinali in peptidi che agiscono come inibitori ACE (farmaci di comune prescrizione per abbassare la pressione sanguigna).

Una ricerca pubblicata sull’International Journal of Cardiology(March 10, 2005; Volume 99, Issue 1, Pages 65-70) ha riscontrato che, negli adulti sani, il mangiare uova tutti i giorni non produce alcun effetto negativo sulla funzione endoteliale.

Un altro pregiudizio da sfatare è che le uova possano danneggiare il fegato. Al contrario, le uova sono ricche di alcune sostanze che svolgono una funzione protettiva nei confronti delle cellule epatiche.

Se non si soffre di colecistite, di calcolosi biliare o di ipercolesterolemia, si può stare tranquilli: l’uovo contiene notevoli dosi di colina e metionina, due aminoacidi che proteggono il fegato.

In effetti lo stesso tuorlo, un tempo lo imparavano tutti gli studenti di medicina, ha la capacità di far contrarre la colecisti (vescichetta biliare o cistifellea) e di espellere la bile nell’intestino migliorando il metabolismo dei grassi e la motilità intestinale.

Lo svuotamento rapido e totale della colecisti è un esercizio altamente positivo: significa che continua a funzionare bene. Se invece trattiene la bile, rischia di infiammarsi e di dar luogo a dolorosi calcoli biliari. Perciò, l’uovo non causa ma, al contrario, previene i calcoli biliari e protegge il fegato.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 240_F_263857569_Z7U2CXIUJeRbB768fWP2w6PFtHiYYlUy.jpg

Ma allora com’è nato il luogo comune sbagliato?

Per un equivoco in cui sono caduti i malati di fegato, i sofferenti di calcoli biliari e per i consigli dei medici del Novecento: è chiaro che se si soffre già, per altri motivi (non certo per colpa delle uova) di calcoli e “mal di fegato”, il solo svuotamento della vescichetta dovuto all’uovo sarà doloroso. Quindi si può dire che l’uovo fa bene al fegato sano e lo mantiene efficiente a lungo.

VALORI CALORICI E TEMPI DI DIGESTIONE

Un uovo di gallina intero di dimensioni medie apporta circa 80 calorie, dove 60-62 calorie provengono dal tuorlo (parte gialla), mentre solo 12 calorie provengono dall’albume (parte bianca).

I valori nutrizionali delle uova cambiano a seconda dell’animale da cui provengono:

– uovo di oca (peso 85 g) 160 calorie

– uovo di tacchina (peso 85 g) 160 calorie

– uovo di anatra (peso 85 g) 160 calorie

Varietà di uova

A seconda del metodo di cottura delle uova possiamo avere un aumento anche molto sostanziale delle calorie finali delle uova:

– uovo sodo: 80 calorie

– uovo in frittata: 170 calorie

– uovo strapazzato: 105 calorie

– uovo fritto: 188 calorie

Le uova impiegano 1 ora e 45 minuti per essere digerite se preparate bollite alla “coque” (massimo 2 minuti dall’inizio del bollore);

  • 2 ore e 15 minuti se ingerite crude;
  • 2 ore e 30 minuti se cotte al burro;
  • 2 ore e 50 minuti per le uova sode;
  • 3 ore per le uova in frittata.
Uova fritte

FONTE DI SALUTE CON POTENTI PROPRIETÀANTIOSSIDANTI

Grazie a uno studio condotto in Canada in cui i ricercatori hanno esaminato il contenuto in nutrienti dei tuorli d’uovo provenienti da galline alimentate principalmente a frumento, sono stati individuati due aminoacidi con potenti proprietà antiossidanti, che sono importanti per la prevenzione delle malattie cardiovascolari e del cancro:

  • triptofano e tirosina.

Vedremo in seguito che il contenuto di nutrienti, contenuti nelle uova deposte da galline ruspanti è di gran lunga superiore alle uova convenzionali. La cosa veramente interessante è che le uova convenzionali, nonostante il loro contenuto nutrizionale inferiore, sono una potente fonte di antiossidanti salutari per il cuore! I ricercatori confermano che due tuorli crudi hanno proprietà antiossidanti equivalenti a una mezza porzione di mirtilli (25 grammi ) e quasi il doppio di quelle di una mela.

La ricerca inoltre ha dimostrato quanto la cottura sia distruttiva. Le proprietà antiossidanti si riducono di circa il 50 per cento quando le uova vengono fritte o bollite e,ancora peggio, se cotte nel forno a microonde.

I tuorli d’uovo sono anche una ricca fonte di antiossidanti,

  • luteina
  • lazeaxantina,

che appartengono alla classe dei carotenoidi noti come xantofille. Questi due composti sono potenti elementi di prevenzione della degenerazione maculare, la causa più comune di cecità che colpisce soprattutto gli anziani.

Inoltre, l’aminoacido triptofano è anche un importante precursore della serotonina del cervello che aiuta a regolare l’umore, mentre la tirosina sintetizza due neurotrasmettitori fondamentali, la dopamina e la noradrenalina, che migliorano la capacità di attenzione e l’attività mentale.

LE UOVA BIOLOGICHE SONO PIÙ NUTRIENTI

Le uova sono poi una fonte incredibile di nutrienti di alta qualità come proteine e grassi di cui spesso siamo carenti e forniscono il combustibile ideale per la maggior parte delle persone. Le uova biologiche da galline ruspanti sono di gran lunga superiori per quanto riguarda le sostanze nutritive e che, la cottura distrugge molti di questi nutrienti per cui, idealmente, è consigliabile il consumo di uova crude (solo se provengono da allevamenti biologici di galline ruspanti).

Un uovo è considerato biologico se la gallina è stata nutrita solo con alimenti biologici, il che significa che non avrà accumulato alti livelli di pesticidi provenienti dai grani (soprattutto mais OGM) con i quali vengono alimentate normalmente le galline degli allevamenti intensivi.

Ulteriori test hanno confermato che le vere uova di galline ruspanti sono molto più nutrienti delle uova allevate intensivamente. In una serie di test pubblicati nel 2007 da, Mother Earth News sono stati confrontati i dati nutrizionali ufficiali del US Department of Agriculture (USDA) delle uova commerciali con quelli delle uova provenienti da galline ruspanti e hanno trovato che queste ultime contengono:

  • 1/3 in meno di colesterolo
  • 1/4 in meno di grassi saturi
  • 2/3 in più di vitamina A
  • 2 volte in più di acidi grassi omega-3
  • 3 volte in più di vitamina E
  • 7 volte in più di beta-carotene

I livelli di nutrienti notevolmente superiori sono probabilmente il risultato delle differenze nella dieta tra le galline che pascolavano liberamente e quelle allevate industrialmente.

Conservazione

COME VENGONO CONSERVATE?

  • Atmosfera protettiva: le uova vengono conservate in locali con atmosfera protetta per evitare l’evaporazione dell’acqua e la formazione di muffe.
  • Congelazione: viene eliminato il guscio, mentre il tuorlo e l’albume vengono raffreddati a una temperatura tra -10 °C e -15 °C e poi conservati a -7 °C in apposite celle frigorifere. Si tratta di un metodo utilizzato per le uova destinate all’industria dolciaria.
  • Pastorizzazione: le uova vengono pastorizzate a 65 °C per 3-4 minuti.
  • Refrigerazione: le uova vengono refrigerate ad una temperatura che varia da -3 °C a +2 °C. Questo metodo consente la conservazione per circa 6 mesi.

SAPER PREPARARE LE UOVA

Se si sceglie di non mangiare i tuorli d’uovo crudi, l’opzione migliore è quella di prepararli alla coque, facendoli bollire solo 1 minuto e poi raffreddandoli in modo che il bianco si solidifichi e il rosso, almeno parzialmente, rimanga cremoso.

Attenzione:

 Quel bel colore arancione del tuorlo quando apriamo un uovo potrebbe essere dovuto alla cantaxantina (E161g), un colorante ammes- so dalla legge, che illude di avere sottomano le uova della nonna. Un’illusione, ovviamente. Lo stesso colorante viene usato nei mangimi per i salmoni e le trote per dar loro una bella tinta di arancione.

La soluzione?

Avere un amico che alleva galline con il granoturco!

Uova strapazzate

Le uova strapazzate sono considerate uno dei peggiori modi per mangiare le uova dato che il colesterolo del tuorlo d’uovo viene ossidato. In questo caso, coloro che hanno il colesterolo alto possono effettiva- mente avere dei problemi in quanto il colesterolo ossidato causa dei danni.

Bianchi d’uovo

Non si dovrebbero invece mangiare i bianchi d’uovo crudi senza i tuorli considerato che contengono lavidina.

L’ avidina è una glicoproteina basica presente nell’ albume crudo e si lega alla biotina ( Vit. B 8 o Vit. H) formando un potente legame che l’intestino umano non può assorbire. Questa caratteristica viene perduta durante la cottura.

Un problema potenziale con l’utilizzo dell’uovo intero crudo si può verificare in caso di gravidanza. La carenza di biotina è una preoccupazio-ne comune in tale stato ed è possibile che il consumo di uova crude intere peggiori la situazione.

Per le donne in gravidanza vi sono due opzioni:
  • sottoporsi all’analisi delle urine per verificare se effettivamente esiste una carenza di biotina
  • oppure assumere un integratore o consumare solo il tuorlo crudo (e cuocere i bianchi).
Gli alimenti che possono contenere uova crude sono:

maionese fatta in casa, frappé e frullati, Caesar salad dressing, salsa olandese, gelato fatto in casa, zabaione fatto in casa.

A CASA MEGLIO TENERLE IN FRIGORIFERO?

Contrariamente alla credenza popolare, le uova fresche delle galline ruspanti che hanno una cuticola intatta non richiedono refrigerazione se non si devono mantenere per lunghi periodi.

Molti agricoltori biologici non refrigerano le loro uova.

La refrigerazione è diventata la norma, da quando la produzione di massa ha creato la necessità di far percorrere alle uova lunghe distanze e di essere mantenute in deposito per settimane o mesi prima di arrivare al punto di vendita.

La generale mancanza di igiene negli allevamenti aumenta la probabilità che le uova siano venute a contatto con agenti patogeni ampliando la necessità, sia della disinfezione che della refrigerazione, per limitarne il loro sviluppo.

Quindi, se le uova sono fresche di fattoria biologica, con le cuticole intatte, e dovranno essere consumate nel giro di pochi giorni, si possono semplicemente conservare in un luogo fresco.

La durata di un uovo non refrigerato è di circa 7-10 giorni.

SI DEVONO LAVARE?

Lavando le uova, si elimina la cuticola esterna, quella pellicola molto sottile, ma estremamente importante, poiché impedisce il passaggio di microbi attraverso i pori. Dunque, prima di metterle in frigo, non conviene lavarle. Se occorre, meglio pulirle con uno spazzolino o un panno leggermente umido.

QUANDO SCADONO?

  • Fino al nono giorno possono essere commercializzate con il marchio “Extra” o “Extra fresco”
  • Dal nono giorno in avanti vanno conservate in un luogo fresco, asciutto e buio.
  • Dopo il 18° giorno, devono essere conservate in frigorifero.
  • Dal 22° giorno devono essere consumate velocemente e non possono più essere poste in vendita.

PER SAPERNE DI PIÙ

Le notizie contenute in questo articolo sono state estratte dai seguenti blog o siti internet.

Se desiderate approfondire l’argomento, trascrive e sul vostro browser gli indirizzi riportati.

www.leziosa.com/uova.aspmain3classificazioneuova.htm

www.agraria.org/polli/uova-classificazione.htm

www.agricoltura.regione.campania.it/uova/uova-index.html

www.lacellula.net/appunti/zoologia/classificazione_delle_uova.html 

www.teatronaturale.it/strettamente-tecnico/bio-e-natura/3530-leggiamo-bene-le-uova-breve-promemoria-per-comprendere-al-meglio-e-novita-relative-all-etichettatura.htm

www.codacons.piemonte.it/Alimentazione/delle-uova/

www.tecnicidellaprevenzione.com/piccola%20guida/uova.html

www.nutrizionenaturale.org/alimentazione/le-uova-sono-salutari/

www.aduc.it/comunicato/rosso+uova+colorante_17192.php

Vi saluto con un pensiero,

“L’odio è il peggiore virus letale che muta il tuo DNA”

Vivi semplicemente. Ama generosamente. Parla dolcemente. Fai tutto con molta calma ed attenzione. Per tutto il resto chiedi l’aiuto di Dio

Categorie
Salute

SISTEMA IMMUNITARIO

DESCRIZIONE

Il sistema immunitario è piuttosto complesso e comprende diversi tipi di meccanismi difensivi. Difende l’organismo da qualsiasi attacco chimico, traumatico o infettivo.

I sistemi difensivi si attivano in base al sito di infezione e dal tipo di agente patogeno*1 (virus, batteri, protozoi)

Il sistema immunitario è costituito dai globuli bianchi, che si sviluppano e risiedono negli organi del sistema linfatico (tonsille, linfonodi, timo, vasi linfatici, midollo osseo, appendicite, placche di Peyer ).

E’ organizzato come un esercito ( gruppi differenziati di globuli bianchi). Si può paragonare all’antico esercito romano, in formazioni di DIFESA e formazioni di ATTACCO e schierati in tre file – TRE LINEE DI DIFESA:

  • barriere chimico-fisiche; (risposta immediata ma non specifica)
  • barriere interne- immunità innata non specifica;
  • immunità adattativa o specifica

1 – Il primo livello

Il primo livello di difesa (immunità innata non specifica) agisce contro qualunque sostanza.

Le BARRIERE, la prima linea di difesa naturale (innata) è formata dalla pelle, saliva e lacrime, mucose dell’apparato respiratorio, peli e ciglia, ambiente acido dell’apparato digerente (acido cloridrico) e flora batterica.

Se il nemico (virus, batteri, funghi) riesce a penetrate nel nostro territorio superando la prima linea allora scatta la GUERRA e si attiva la seconda linea di difesa.

2 – Secondo livello

Il secondo livello di difesa (immunità innata non specifica).

RISPOSTA INFIAMMATORIA si attiva con eritema o febbre o edema. Intervengono i macrofagi ( tipo di globulo bianco) che sono le cellule specializzate che inghiottono e distruggono le cellule nemiche.

3 – Terzo livello

Il terzo livello di difesa è specifica.

RISPOSTA IMMUNITARIA si attivano i linfociti (altro tipo di globuli bianchi) che a loro volta producono gli anticorpi che proteggono dalle infezioni e alcuni di loro fanno diventare IMMUNI da una malattia.

Ho spiegato in modo molto semplice e sintetico perché lo scopo di questo post è mirato a qualcos’altro e cioè come poter mantenere a tutti i livelli questo sistema il più efficiente possibile.

E qui entro in ballo con qualche esempio per far comprendere al meglio ai lettori che non hanno una formazione medica scientifica cosa succede se non si cura bene il nostro sistema immunitario.

Esempio: benzina al posto del diesel in un motore…… calo generale delle prestazioni, fumo nero che esce dallo scarico, rumori e ticchettii, ecc..

COSA DANNEGGIA IL SISTEMA IMMUNITARIO

Nel nostro caso il motore è il nostro organismo e la benzina è tutto ciò che lo danneggia: alimentazione errata, farmaci, fumo, sedentarietà, carenza di vitamine e minerali, stress, insonnia, inquinamento ambientale, perdita di fede, l’elenco è lungo ma mi fermo qui.

PREVENZIONE

Servono quindi informazioni serie attendibili e verificabili che ci aiutino a discernere bene tra le migliaia di informazioni che ci sommergono provenienti da TV, giornali, internet, come poter fare una seria prevenzione sulla vecchiaia e sulle malattie oppure correre ai ripari se esiste già qualche malattia. (Sarà argomento del prossimo post)

Sono d’accordo che si è alzata l’età media di sopravvivenza ma non sono d’accordo che questi anni in più siano vissuti con malattie, farmaci disagi e infermità, per cui è nostro dovere informarci, studiare ed agire con tutti i mezzi a nostra disposizione.

Vi saluto con un pensiero: SIATE OTTIMISTI SEMPRE

*1 – PATOGENO Agente infettivo (funghi, batteri, virus, ecc.) capace di penetrare, diffondersi e accrescersi a spese dei tessuti dell’ospite, inducendo nei loro ospiti malattie.

Categorie
Assistenza agli anziani Curiosità

IN DIFESA DELL’ETÀ INVISIBILE

Aria, vegliardi! Fate posto!

Quando noi eravamo giovani, quelli che entravano nell’età invisibile erano rispettati. Avevano lavorato tutta la vita, così dicevano, ed il riposo se lo erano guadagnato. Doveva invecchiare la nostra generazione perché fossero, fossimo, considerati un peso e un costo.

Anche la nuova pestilenza ci ha dato dentro e c’è il sospetto che se la siano inventata per fare pulizia e sgombrare il campo dalla gente di ‘una certà età’. Eccheccavolo!

Potenza delle frasi fatte

Il potere dissacrante dei modi di dire! ‘Tu che hai una certa età…’ Ai tuoi tempi…’ Per non parlare di eufemismi come ‘babbioni’parola nota al Lasca ed al Carducci per indicare grulli e citrulli; o ‘carampane’ da Ca’ Rampani, il rione veneziano che anticamente ospitava le prostitute.

Come conosco l’origine di ‘carampana’? A qualcosa servirà la zattera di Internet!

La parola alla difesa

E così corre il ricorso alla difesa. Tuttavia, dobbiamo essere imparziali e un tantino clementi nel giudicare lecontumelie a nostro danno. A me conviene sicuramente. Non so cosa ne pensate voi, ma io non posso privare la controparte di ragioni. Due sono i validissimi motivi: il primo, personale, è che figli e nipoti potrebbero togliermi il saluto; l’altro, più generale, è che siamo stati giovani anche noi, sebbene i giovani non ci credono.

Cerchiamo di capirli quando ci rispondono con sassate di parole. Tesi asvicolare dalla strada che la generazione precedente imponeva, vuole, chiederà (il verbo corrisponde al mutare dei modi e dei tempi), saranno dispiaciuti a posteriori per aver trasformato i timori in accuse che hanno preso la via di sfogo. Proprio come accadeva a noi.

Presto si accorgeranno che la giovinezza si fugge tuttavia, ed è bene saperlo subito quanto sia passeggera.

Chi ha inventato l’acqua calda?

Va considerato il fatto certo, anzi certissimo, che non l’hanno inventata loro l’acqua calda. Cosa si credono? Neppure noi si scherzava nell’insolentire gli avipiù prossimi. Vadano, vadano i giovinastria controllare! Termini come bacucchi, cariatidi, mummie o matusa (da Matusalemme, ovvio), rientravano nel modello convenuto per denigrare i nostri vecchiarelli.

Non si contano le frasi di questo genere: ‘Il mio dirimpettaio ha fatto due guerre.’ – Sarà stanco morto. – ‘Più morto che stanco, ma nessuno glielo ha detto.’ ‘Il fornaio era partigiano e stava per essere fucilato. – Per questo è un po’ rimbambito? – ‘Macché! È morto ieri e non se n’è accorto. ‘Omammmamia, chi poteva immaginare che quella ‘vecchietta dell’aceto’ fosse una bellona,ai suoi tempi!’ – Ai tempi di Cleopatra? –

La risposta preferita

Le tiritere continuavano: Tizio è stato… Caio ha vinto… Sempronio ha visto…

E noi: ‘Ma che bravi sono stati!’ Così veniva parodiata una delle pubblicità di ‘Carosello’, quella di Calimero, il pulcino nero: ‘Or che bravo sono stato posso fare anche il bucato.’

E ridevamo pure. Che screanzati! Potevi ascoltare senza infierire, ma quel passato ancora prossimo era risolto con sarcasmo perché è difficile praticare la misericordia quando non siamo stati misurati. Ottenevano un blando interesse i grigi corridoi di un vissuto che ospitava nugoli di esperienze e azzardi e vittorie e delusioni. Raramente le memorie che potevano trasmettere oltrepassavano il vaglio delle emozioni. Le folate di osanna o di sdegno erano riservate alle cronache di attualità para politica o magari scandalistica di gente schiribillosa, istrionica, ma anche eroica, pronta a deridere o provocare il malcostume di turno.

E diciamolo, via, che per i giovani di qualunque epoca e costume i vecchi nascono vecchi e amen.

Torna in mente la favola-ammonimento sul piatto sbrecciato da riservare al vecchio di casa. Un’antica lezione sul non fare ciò che non vuoi sia fatto a te.

Ci siamo intesi? Oggi a noi, domani a voi.

Animo figlioli!

Tranquilli, dalli e dalli arriverete a Canossa, dove imparerete che le feste di riconciliazione durano assai poco. Lasciamo a voi il compito di credere che dietro ‘l’angolo’ di questa palla ci sia un mondo nuovo, migliore. Scoprirete a vostre spese che stuzzicare i concetti costituiti in cambio di utopici ideali non impedisce la legge di compensazione, ché se una parte migliora, ce n’è sempre un’altra a rischio.

E vi va bene che vi sia toccato l’oggi. Le generazioni precedenti, e alcune ancora, avevano le loro guerre per smaltire le energie da tenere a freno. Eppoi c’era il servizio militare che insegnava ad obbedire ai superioriViene il sospetto che il detto antico’Se vuoi la pace prepara la guerra’,avesse il sottinteso di togliersi di torno, non il vecchiarellume, ma le belle, fresche, energie in esubero.

Meditate pivelli!

Guerre mondiali Guerriglie domestiche

Il problema sta nelle dissonanze tra i bisogni delle diverse caste, che di caste, infine, si tratta. Se è un problema tenere a bada le ragioni dell’irruenza giovanile da parte di coloro che si trovano nell’età adulta, attaccati con braccia e gambe al daffare in corsa, come vi possono riuscire dei vecchiarelli tanto inutili e rompiballe da essere maltrattati perfino dal virus in circolazione?

Ogni nuova leva se la vuole inventare la vita, consumando l’eccesso di energie sul piede di guerra, anche se con l’altro auspicano la pace. E ce ne vogliono di confronti, avanti di raggiungere la consolante certezza che gli esemplari della nostra specie, di qualunque luogo ed epoca, hanno affrontato gli stessi sentimenti e capitomboli prima di adeguarsi a ciò che altri fanno e disfano.

Ma chi? Noi?!

O com’è che ora ci viene rinfacciato di tutto, dall’ostinazione nel resistere, in barba al sovraffollamento ed al costo delle pensioni, fino alla de-cadenza del pianeta.Ma è proprio vero che lo abbiamo fatto noi un simile disastro? Noi che sognavamo i Garibaldi, gli Zorro, i Robin Hood, i Che? Noi che non abbiamo voluto guerre, se non imposte da altri, noi che abbiamo modernizzato il costume per costruire un mondo migliore…

Nessuno più di noi, ragazzi del dopoguerra, sa quanto fosse difficile accettare l’autorità di chi ritenevamo colpevole di aver contribuito, volente o nolente, ad eventi irrimediabili. Il destino non sarà stato nelle mani dei nostri genitori, presi uno ad uno, ma il risultato finale lo avevamo sotto gli occhi.

Chi poteva immaginare che anche noi saremmo stati accusati di eventi decisamente irrimediabili? E menomale che adesso si scoprono gli altarini. Pare che le prime avvisaglie sul pericolo planetario risalgano ai primi del 1960, quando noi eravamo solo dei fanciullini. Rifatevela con quelli che oggi avrebbero, più o meno, 100 anni.

Sono incorreggibile

Santi numi! Alle solite ho divagato dal tema che mi ero prefissata: come goderci gli anni invisibili. Non è forse vero che sempre si ricomincia dal principio? Anche le nostre cellule cambiano continuamente, e senza il soccorso della chirurgia estetica. Misteri delle ingiustizie umane: com’è che loro si rinnovano e noi s’invecchia?

Bando a piagnistei e patetismi. Occupiamoci delle nostre faccende che è meglio, ora che siamo in crisi d’astinenza dal vivere, dopo i consensi ed i nonsensi degli infiniti anni dei doveri. O almeno lo sembravano, infiniti.

Arresi davanti ad un presente che sembra privo di scopo, non sappiamo quante pagine bianche restano nel nostro diario, ma sono convinta, convintissima che non vadano scarabocchiate solo con pratiche uggiose e foto ricordo. È inutile star lì a rimestare nell’attesa delle ricorrenti imprese del minotauro personale.Qualcos’altro dovrà pur venir fuori dai nostri polverosi cilindri, per incitare la nuova, giovane vita da vecchi, dopo le fatiche della vecchia vita da giovani.

Convenuto sui bisogni primari, il trittico Salute Famiglia Casa, si vada qui ad illustrare altri settori molto utili nella terza e quarta età. Mi riferisco ad amici, passatempi, giochi, svaghi… Primari anche questi, perché tengono alto il morale.

Sennò, cosa ne vogliamo fare delle residue energie? Segatura?

Ecco perché insisto

Abbiamo tempo e coraggio per partecipare al grande biribissaio, finché possiamo ed a modo nostro, senza evitare i bordi. Ci siamo abituati a stare cavalcioni nei confini. Su molte prospettive ci siamo distesi e molti orizzonti ci hanno sorretto. Ne abbiamo visti di mutamenti, abbiamo già sofferto di illusioni. Oggi possiamo contentarci della consapevolezza. Che sensazione di riposo dell’anima, respirare il mondo e le sue cose senza attese o pretese.

A noi si addicono le nuance di mezzi toni da quando i nostri angoli si sono fatti curvi, ma se qualche pennellata barocca ci piace, ci somiglia, nonrinunciamo a riaffacciarsi alla vita con le follie compensatorie e la voglia di strafare che ci siamo negati. Diamo una sferzata allo spirito sonnolento e pigiamo il vigore sui sensi sciupacchiati, tanto per spendere il tempo residuo a diventare ciò che eravamonati peressere.O almeno, a chiederci se siamo come avremmo voluto essere, anche se comporterebbe una conoscenza più approfondita del sorprendente, incompreso apparato mentale che ci portiamo appresso.

Si dice che il cervello sia l’intestino della mente e che abbia svariate diramazionisu cui baloccarsi. Chissà cosa potrebbe uscire da quei labirinti se ci mettessimo il foraggio della curiosità! E quella non è roba che puzza…

Ocean cleanus

In chiusura vorrei condividere la meraviglia per l’Ocean cleanus, l’enorme macchinario che elimina dai mari il vecchiume abbandonato…..

Ohinoi! Mi è proprio scappata!

Categorie
Assistenza agli anziani Salute

Esercitazioni pratiche per stimolare le funzioni cognitive

Alcune funzioni cognitive si trasformano in un normale processo di invecchiamento.

Tra queste, troviamo la velocità di elaborazione, la memoria a breve termine e la capacità di risolvere problemi astratti.

I cambiamenti nel funzionamento cognitivo fanno parte di questo processo; d’altra parte,

ci sono persone che sviluppano un lieve deficit cognitivo ed altre che, sfortunatamente, sviluppano la sindrome della demenza.

Uno studio recente conclude che qualunque sia la situazione, è stato dimostrato che tenersi informati procura un evidente vantaggio, associato alla stimolazione cognitiva, rallentandone il declino.

Molte volte i familiari, i caregivers e gli stessi anziani si chiedono quali esercizi siano adatti a mantenere agile ed attivo il proprio cervello.

È necessario che il nostro cervello si dedichi ad attività varie e stimolanti, dove occorre una memoria rapida, attenzione, linguaggio, calcolo, capacità di percezione visiva.

Ad esempio, alcuni eseguono sudoku, rebus, cruciverba, puzzles; altri leggono, si iscrivono a corsi di arte artigiana, si interessano alla vita sociale.

Qualunque attività che richieda applicazione e concentrazione porta benefici al benessere personale ed alla qualità della comunicazione e dell’interazione sociale.

Il nostro tempo di dormire

Ti svegli stanco? Conosciamo tutti quella sensazione: passare la giornata intontiti, irritabili e pigri.

Potrebbero esserci giorni in cui non dormiamo abbastanza, ma in realtà quante ore di sonno abbiamo bisogno? Possiamo recuperare le ore accumulate di sonno? Dovremmo dormire sempre allo stesso tempo, indipendentemente da quanti anni abbiamo? Nell’articolo di oggi risolveremo queste domande.

Di quante ore di sonno abbiamo bisogno a seconda della nostra età?

Abbiamo sempre sentito che per avere una vita sana è necessario dormire per circa otto ore al giorno, qualcosa che non possiamo sempre soddisfare, sia a causa del lavoro, della mancanza di tempo, delle bevande contenenti caffeina, ecc.